sabato 24 novembre 2012

Lunario mese di Novembre

Santi e Ricorrenze



25/11


Santa Caterina d'Alessandria martire




Patronato: Filosofi, Studenti, Mugnai

Etimologia: Caterina = donna pura, dal greco

Emblema: Palma, Ruota dentata, Anello



Secondo la tradizione Caterina, figlia di nobili, nasce ad Alessandria d'Egitto nel terzo/quarto secolo, qui nel 305, quando è diciottenne giunge Massimino Daia governatore d'Egitto e Siria. Per l'occasione si celebrano grandiose feste pagane con il sacrificio di animali.

Caterina, cristiana, rifiuta il sacrificio e cerca di convincere il governatore a riconoscere Gesù Cristo come unico Redentore dell'umanità. Questi chiama un gruppo di intellettuali affinchè convincano Caterina a riconoscere il sacrificio, ma all'opposto è la giovane che riesce a convertire gli intellettuali che vengono prontamente fatti uccidere da Massimino, il quale propone a Caterina le nozze; al rifiuto segue la condanna ad un tremendo supplizio: lo strazio delle carni sulla ruota dentata. Miracolosamente Caterina viene salvata dall'angelo, ma sarà decapitata e il suo corpo traslato dagli angeli sul Monte di Mosè sul Sinai nella notte tra il 24 e il 25 novembre del 305.
Più tardi il corpo verrà custodito nel Monastero a lei dedicato sul Monte Sinai.

Nonostante la scarsità  di notizie storiche il suo culto si è diffuso rapidamente anche al di fuori dell'Egitto ed in particolare nell'Europa meridionale, in Italia e in Francia.                        



 
Le Caterinette



In Francia S. Caterina è ritenuta essenzialmente la patrona dei giovani. Per la sua giovane età divenne patrona delle bambine e delle ragazze. Un tempo per la sua festa le bambine aspettavano i regali, mentre le ragazze, all'uscita dalla messa, avevano il diritto di scegliersi un cavaliere invitandolo a pranzo.
Le apprendiste sarte avevano ugualmente scelto come patrona S. Caterina.




 (dal web)   caterinette piemontesi


Le torinesi, che per tradizione culturale sono sempre state legate alla Francia hanno adottato la patrona e il nome di caterinette che poi si estese a tutto il paese.

Oggi la Festa delle caterinette che si svolgeva la vigilia del 25 novembre e alla quale erano invitati tutti gli studenti universitari, non ha più l'importanza di una volta mentre è ancora viva a Parigi.



2 commenti:

  1. Molto interessanti queste notizia. Brava Etta. Buona domenica.
    Paola

    RispondiElimina