martedì 25 aprile 2017

Piccolo esercizio di psicologia







La mattinata di festa un po' fiacca e con tempo incerto mi hanno invogliato ad inviare a mezzo "whatsapp" la foto che sta sopra appena ricevuta da un'amica.

Un gesto che ripeto spesso quando sono in vena, mai però mi ero soffermata sugli effetti che tale messaggio poteva provocare, cosa che invece ho osservato questa mattina.

Intanto in linea di massima tutti hanno risposto ringraziando e contraccambiando l'augurio, segno che fa piacere accorgersi di essere pensati; ho valutato anche l'immediatezza e i tempi di risposta e poi il tipo di risposta. Qualcuno ha ricambiato con una diversa immagine dello stesso tenore, chi servendosi degli "emoticons" e chi con una frase di apprezzamento per la composizione e i fiori della foto. Ho ricevuto anche una telefonata in risposta oppure un semplice "anche a te" che tutto dice del carattere della persona e del difficile rapporto con il cellulare.

Tutto sommato un esercizio interessante che mi ha rafforzato nella convinzione che il tempo dedicato a coltivare le relazioni personali è tempo ben speso.  Non me ne vogliano i miei amici se mi sono presa questa piccola licenza